Ma perché oggi tutti gli uomini piangono ?

Non so se ci avete fatto caso, ma negli ultimi tempi il pianto in televisione e in genere nei luoghi in cui si fa spettacolo è davvero diventato di moda.
Piangono tutti. E piangono anche e soprattutto gli uomini. Improbabili innamorati traditi davanti alle telecamere dei talk show. Gli attori vincitori di premi importanti. Perfino gli sposi sull’altare.
Piangono anche i calciatori, la categoria più in voga in questo periodo, quando realizzano una rete o vincono un trofeo. Al termine della sfida mondiale tra Argentina e Francia sembrava di assistere a un funerale anziché a un avvenimento sportivo.
Ora io devo per forza rifarmi alla mia esperienza in qualche modo drammatica di boomer, cresciuto a pane e luoghi comuni. Il principale luogo comune era quello che fin dall’infanzia gli uomini della mia famiglia mi hanno insegnato.
Gli uomini veri non piangono.
Posso dire senza tema di smentita che si tratta di una schifezza di luogo comune.
Grazie a questa affermazione lapidaria ho cercato in tutti i modi di trattenere le lacrime nei momenti più belli , quando mi sono sposato, quando sono nati i miei figli o quando , ormai in tarda età, sono riuscito a laurearmi. Allo stesso modo ho cercato faticosamente di non mostrare lacrime davanti ai corpi senza vita dei miei genitori e dei miei nonni.
Ma quale è dunque l’atteggiamento più onesto da seguire ?
Personalmente non riesco a sopportare il pianto show, quello fatto apposta per attirare l’attenzione. Il pianto finto, fatto perché si usa. Il pianto banale legato ad avvenimenti senza importanza.
Il pianto vero, caldo, dirompente, magari disperato che sgorga dalla mente e dal cuore è invece, a mio parere, una cosa giusta. Anzi è un gesto bellissimo difficile da descrivere.
Quindi per riassumere. Cari boomer piangete e fregatevene di quanto vi hanno detto per una vita e cioè che gli uomini non piangono.
Cari ragazzi piangete , ma rispettate il pianto. Non fingete commozione. Siate commossi davanti ai fatti importanti della vita e non per pura abitudine o peggio per apparire.

Roberto Pareschi contg.news

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: