Tangeri combina la lettura con la musica e le immagini. Succede nel Regno del Marocco.


“Una giornata in cui le persone possono vedere la propria città in modo diverso.” Con queste parole l’artista plastico Najwa Al-Haitmi ha descritto il Tangier Art Path, che dovrebbe essere organizzato domenica prossima, 18 settembre, con mostre che uniscono storia e arte , spettacoli musicali e letture.

Questa attività aperta negli spazi pubblici di Tangeri alza la bandiera della “democratizzazione delle arti”. Si prevede che 50 artisti provenienti dal Marocco e dai continenti africano ed europeo parteciperanno alla sua quarta edizione, in alcune regioni storiche sconosciute.


I partecipanti a questa attività aspirano a “far rivivere luoghi” che hanno trascurato o dimenticato la storia, al fine di fornire una “nuova lettura tra passato, presente e futuro”.


Najwa Al-Haythami, del comitato organizzatore, ha affermato che questa giornata aspira a “portare l’arte fuori dai suoi luoghi abituali, come musei e gallerie d’arte in cui le persone non entrano, per mostrare cosa c’è dietro le loro mura”.

L’artista plastico ha aggiunto, in una dichiarazione a Hespress: “Queste performance artistiche saranno organizzate in luoghi sconosciuti dell’antica ‘città’, al fine di presentare il patrimonio e per consentire agli artisti di presentare luoghi del passato e visioni di il futuro, nel nostro presente».

In otto località di Tangeri, l’attività propone ai residenti e ai visitatori della città del nord di visitare i monumenti storici, conoscerli e la loro storia, e su vari spettacoli nei campi della musica, della lettura, della fotografia e dell’arte digitale.


Questa giornata, che difende la “democratizzazione delle arti”, è uno spettacolo gratuito, proponendo ai suoi adepti negli spazi pubblici attività e luoghi da seguire, consentendo loro la “libertà di movimento” e scegliendo il momento più opportuno per conoscere il spettacoli, data la loro successione nell’arco di un’intera giornata.

Tuttavia, Al-Haythami afferma che Cinematheque Tangeris sarà la piattaforma in cui le guide informeranno e guideranno le persone nei luoghi degli spettacoli.

Con una programmazione a cui partecipano molti creatori marocchini, insieme a creatori di altre regioni del continente africano e creatori europei, l’iniziativa mira a “presentare una scena ricca e multiforme durante una giornata per i pionieri della città di Tangeri, in un un’attività aperta, che porta l’arte fuori dai suoi luoghi abituali, conosce le componenti storiche della città e la avvicina al pubblico.

Redazione- Hespress Marocco News

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: