Dal cannolo alla pasta di mandorle. Le specialità sicule/ 1

Cannolo


È il re della pasticceria sicula, vantando molti secoli di storia: consiste in una cialda di pasta fritta arrotolata e ripiena di canditi. Era in origine il tipico dolce del Carnevale, ma poi grazie alla sua bontà si diffuse rapidamente in tutta la Sicilia ed in Italia


Cassata
Altro dolce tipico siciliano ed è considerata la regina dei dolci. Consiste in una torta a base di ricotta fresca di pecora, pan di spagna, pan di mandorle, glassa di zucchero e frutta candita;


Arancino
Altro simbolo della cucina siciliana: è una sfera di riso farcino, impanato e fritto, i gusti classici sono al ragù di carne e al burro, ma vi è anche la variante dolce

Granita

Limone, caffè con panna, pistacchio, fragola, mandorla, cioccolato, pesca, gelsomino e gelso nero. Questi sono i gusti più gettonati di questa prelibatezza. Consiste in un liquido semi – congelato granuloso a base di acqua, zucchero ed
estratto degli ingredienti principali (limone etc);


Pasta alla norma
Uno dei primi piatti dell’Isola tipicamente mediterraneo preparato con maccheroni o altri tipi di pasta corta condita con pomodoro, ricotta, basilico e l’ingrediente tipico di questa prelibatezza: la melanzana;


Caponata


Ha decine di varianti, è intrisa con sapori prelibati del Mediterraneo del sapone agrodolce. È un piatto unico
accompagnato dal pane , tipico “ piatto povero” dal gusto delizioso e saporito, composto da melanzane fritte, aceto,
cipolle, pomodori, capperi, olive, sedano e zucchero;


Pasta di mandorle
Detta anche pasta reale perché degna di un re per la sua squisitezza; è anche usata per preparare vari dolci, biscotti e
pasticcini con mandorle o frutta candita e la cassata.
La vite e il vino sono divisi in tutta la regione: tra i vini rossi spicca il Nero d’Avola con aromi intensi, mentre tra i vini bianchi il più noto è lo Zibibbo ( Moscato di Alessandria) e sono considerati tra i migliori d’ Italia. In Sicilia si coltivano anche varietà diffuse di vigneti a livello nazionale come il Sangiovese, il Barbera e il Trebbiano Toscano; invece i principali vitigni internazionali coltivati sull’ isola sono il Cabernet Sauvignon, il Merlot, lo Chardonnay e il Pinot Nero.

Vida Vialardi-Redazione

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: