A Forte dei Marmi incuriosisce la mostra “Bombardieri e altri animali”

di Mara Martellotta

Lungomare e vie del Centro di Forte dei Marmi sono “invase” da figure di elefanti, rinoceronti e animali
selvatici, protagonisti della mostra intitolata “Bombardieri e altri animali”, comprendente opere monumentali installate in alcuni degli spazi più suggestivi di questa nota località turistica, tra cui piazza Garibaldi, all’ombra del Forte Leopoldino.
L’esposizione è curata da Luca Beatrice e dedicata alle opere dello scultore Stefano Bombardieri.
Inaugurata lo scorso aprile, sarà visitabile fino al 16 luglio prossimo e dimostra l’approccio filosofico di
questo artista. Tra le opere in mostra, al Fortino, in piazza Garibaldi, figura quella intitolata “Marta e l’elefante”, opera che si racconta attraverso un Qrcode capace di attivare un dialogo tra la bambina e
l’elefante, interpretato da due attori.
In parallelo alla mostra la galleria d’arte Oblong Contemporary Art espone un ulteriore nucleo di opere di Stefano Bombardieri, in via Carducci 43. Tra queste figura quella intitolata “Balancing on the past”, formata da quattro elementi scultorei che dialogano con il bambino, vale a dire il teschio di un mammut, una scimmia, un umano memento mori e il globo. Su ognuno di questi oggetti vi è un bambino in equilibrio, che simboleggia il figlio dell’artista, cui l’opera è dedicata.

Fotografia esemplificativa della mostra in piazza Garibaldi a Forte dei Marmi

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: