Egitto.Il romanziere egiziano Ahmed Abdel Latif: La mia vittoria è per il romanzo, non per la storia, e traduco per spiare altre lingue.

Ahmed Abdel Latif è un romanziere, traduttore e giornalista (classe 1978), che crede nella sperimentazione per iscritto, e ritiene che questo dia al testo una nuova vita e un orizzonte filosofico che non è lontano dalla realtà, ma la contempla ed esplora cosa c’è dietro.

Il suo progetto di romanzo si distingue per la specificità della ricerca dell’abbandono e dell’abbandono nella vita per costruire un mondo immaginario del romanziere Le sconfitte umane nel periodo storico dal 711 al 2013 d.C.



È preoccupato per la questione dell’essere umano che è esposto a delusioni e battute d’arresto a causa degli eventi della sua vita e del suo paese.

Nella sua prima raccolta di storie, “Il regno di Mark Zuckerberg e i suoi uccelli leggendari”, si è liberato dalla punteggiatura e ha creato una lunga storia da una lunga frase senza barriere.

Nel suo nuovo romanzo, pubblicato quest’anno, “Daniel’s Ages in the City of Strings” – dove la città è abitata da bambole ed è divisa in una città alta e una città bassa – è tornato sulla questione della città che lo occupava in la maggior parte dei suoi romanzi come “The Key Maker”, “The World of Mandal” e “The Sculptor’s Book” ed Elias.

Invece nel romanzo “Daniel’s Ages in the City of Threads”, lo scrittore immagina le persone come semplici bambole mosse da fili nascosti (Al-Jazeera)
“I miei romanzi non sono altro che opere d’arte che nascono dalla storia e la implorano, ho un’idea che ciò che si può scrivere al di fuori dell’arte del romanzo non può essere incluso nel suo contenuto, e quindi il romanzo non è una ricerca sociale , una pubblicazione politica o un libro di storia.

Il vantaggio dell’arte del romanzo è la sua capacità di ingoiare tutto e trasformarlo in qualcos’altro, qualcosa di artistico ed estetico.

Penso di essere sempre interessato all’origine della cosa e su cui ci ritorno costantemente.Mi riferisco qui al significato del romanzo come racconto in primo luogo, e alla necessità che conservi questa identità, anche con ogni rinnovamento, sperimentazione e decostruzione del senso.” fa sapere in una Intervista ai colleghi di Al-Jazeera Ahmed Abdel che incita tutti a leggere i suoi romanzi dove certamente potrete trovare nuovi orizzonti tutti da scoprire.

Redazione

Daniel’s Ages in the City of Strings”

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: