Gli effetti al pensionamento di Sadr colpiscono l’Iraq #diariodibordo#

I residenti di Baghdad e delle province meridionali hanno attaccato i mercati per comprare i loro bisogni dopo che la situazione si è deteriorata, a seguito della decisione del leader del movimento sadrista di ritirarsi dalla politica, e i manifestanti hanno preso d’assalto la sede del governo e del partito sciita.

I manifestanti, per lo più sostenitori di Sadr, hanno chiuso il giacimento petrolifero di al-Ahdab nella provincia di Wasit (sud del paese), che produce più di 120.000 barili al giorno, oltre a chiudere il porto di Umm Qasr, dove esporta buone quantità di petrolio, e assediare la raffineria di Shuaiba, mentre gli scontri armati sono continuati all’interno della Green Zone (Baghdad centrale) fino a martedì mattina tra uomini armati di diversi partiti, insieme a scontri con le forze di sicurezza.

Gli Emirati Arabi Uniti e l’Iran hanno interrotto i voli con l’Iraq e diversi paesi hanno chiesto ai loro cittadini di andarsene il prima possibile, temendo che la situazione si deteriori ulteriormente. La maggior parte degli investitori lascerà il paese e cercherà un altro ambiente sicuro, il che significa che l’Iraq perderà miliardi di dollari.

Fonte Al-Jaazera News

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: