Grazia Deledda, la celebre scrittrice sarda risorge agli italiani grazie al filologo di contg.news Michel Camillo. Videofoto slideshow

Videoslideshow

Se ci domandiamo quale apporto abbia dato la Sardegna alla cultura del nostro paese, il pensiero per istinto si rivolge a Grazia Deledda. Ma cosa sappiamo effettivamente di questa scrittrice? In questo articolo cercheremo di scoprirne qualcosa di più.

Quinta di sette fra figli e figlie, Grazia Deledda nacque a Nuoro il 28 settembre 1871. La sua famiglia di origine aveva un discreto status: il padre, Giovanni Antonio Deledda, era stato infatti sindaco di Nuoro nel 1863 ed era autore di versi in sardo. Grazia sposò Palmiro Madesani a Nuoro l’11 gennaio 1900; gli sposi si trasferirono a Roma, dove ebbero due figli. 

A Grazia Deledda fu assegnato il Premio Nobel per la letteratura 1926, con la seguente motivazione: “Per la sua ispirazione idealistica, scritta con raffigurazioni di plastica chiarezza della vita della sua isola nativa, con profonda comprensione degli umani problemi”. Fu appena la seconda donna a ricevere questo premio, dopo la svedese Selma Lagerlof; ovviamente fu la prima donna italiana. 

Dieci anni dopo aver ricevuto il Nobel, nel 1936, Grazia morì per un tumore al seno del quale soffriva da tempo; non è però chiara la data esatta del decesso: alcuni propendono per il 15 agosto, altri per il 16. Sappiamo invece per certo che morì a Roma.

Le opere principali di Grazia Deledda sono: CenereL’edera (romanzo di undici capitoli), Sino al confineColombi e sparvieri (romanzo), Canne al vento (romanzo), L’incendio nell’olivetoIl dio dei venti.

Ci sarebbe da fare un lungo discorso sul rapporto fra la Deledda e l’Italiano: Grazia era infatti sardofona, l’Italiano era una lingua non sua, una lingua che doveva conquistarsi; molto significativo ciò che scrisse in una lettera: “Io non riuscirò mai ad avere il dono della buona lingua, ed è vano ogni sforzo della mia volontà”. Nonostante questo, Grazia Deledda fu anche traduttrice: a lei si deve una versione italiana di Eugénie Grandet di Honoré de Balzac.

Lo stile narrativo della Deledda è influenzato dalla grande narrativa europea del XIX secolo, in particolare da quella russa; e fra gli scrittori russi in particolare la influenzò Lev Tolstoj. 

Grazia Deledda a livello intellettuale ha subito alcune stroncature: ad esempio non la apprezzava lo scrittore contemporaneo Luigi Pirandello (che curiosamente morì anche lui nel 1936!); ma la osteggiarono anche gli intellettuali sardi del suo tempo (con poche eccezioni) e gli abitanti di Nuoro, città dove ambientava le sue storie, i quali la accusavano di descrivere la Sardegna come terra rude, rustica e quindi arretrata. Tuttavia ai giorni nostri la grandezza letteraria di Grazia Deledda non è (quasi) più messa in discussione.  

Michel Camillo-Redazione

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: