#storiaeturismo. Il Viaggio di Vida Vialardi in Polignano a Mare in Puglia.

articolo redatto da Vida Vialardi

Borgo situato nella provincia di Bari; figura nella Preistoria con una lunghissima documentazione che inizia nell’età della pietra, rinvenuta in diverse grotte, ma in età romana non ebbe particolare risalto. Dopo il Mille, divenne contea normanna ,poi marchesato, passando quindi sotto diverse dominazioni.

La città medioevale presenta resti delle mura antiche a forma di trapezio ed erano rafforzate da quattro possenti torrioni. Il centro storico è la testimonianza di uno sviluppo urbanistico medioevale: il borgo nuovo del quale si poneva la prima pietra nel 1726 dopo la approvazione della famiglia dei Borbone, si estende a moderne costruzioni verso l’interno e con un’economia basata su pesca e turismo.


Una veduta veramente pittoresca del borgo la si ha dal mare: il centro storico sorge su una scogliera a strapiombo sul
Mar Adriatico, crivellata da numerose grotte. Di tali grotte la più bella e caratteristica è quella Palazzese: una
balconata consente di ammirare uno splendido scenario marino. Le due grotte maggiori sono rese particolarmente
suggestive da giochi dei colori del mare che varia da un intenso verde – azzurro a tinte policrome; queste grotte
fantastiche hanno una forte presenza di molluschi alle pareti.


Da visitare: la Chiesa del Purgatorio, in stile barocco composta da una sola navata coperta da una volta a botte;
all’interno gli altari sono di marmo policromo e un pavimento formato da piastrelle di maiolica di notevole pregio. L’ex Abbazia ( o Badia) di San Vito appartenuta ai Benedettini risalente al X secolo in stile romanico a tre navate.

La Chiesa dedicata a Santa Maria Assunta del 1295, restaurata più volte, è in parte in stile barocco e in parte rinascimentale abbellita da un poderoso campanile che conserva al suo interno un fonte battesimale del 1776 in marmo policromo,un impoTronente coro ligneo del 1661 e diversi dipinti di valore.


Un orologio pubblico rappresenta uno dei rari esemplari del secolo scorso ed ancora oggi viene caricato tirando le
funi.Polignano a mare è stato set di numerosi film ed è la città natale del celebre cantante Domenica Modugno a cui il borgo ha dedicato una statua posta sul lungomare. Di lui ricordiamo tra le più celebri canzoni famose nel mondo “ Nel blu dipinto di blu “.


Trionfa il pesce nella cucina di Polignano a mare. Le specialità gastronomiche più prelibate sono : “il crudo di mare”, un
sushi all’italiana; le famose “carote di San Vito “, un tipo di carota con una tonalità di colore che va dal prugna scuro al giallo canarino; la “focaccia farcita”; “ i panini di Pescaria” ovvero panini con il pesce come polipo,salmone, gamberi, pesce spada.

Carote San Vito

Deliziose sono le coppe di vari gusti di gelato, piccoli pasticcini molto elaborati e il “caffe speciale “ ,servito in piccoli bicchieri di vetro con l’accostamento tra caffè e limone.

Vino solitamente usato dai sacerdoti cattolici durante la Liturgia per la Consacrazione Eucaristica come” sangue di Cristo


I vini bianchi sono in genere bianchi con il Vin Santo che è il preferito.

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: