I Borghi del Centro Italia. ABRUZZO.CIVITELLA DEL TRONTO.

di Vida Vialardi-Redazione

Borgo situato in provincia di Teramo, è incluso nella prestigiosa lista dei “ Borghi più belli di Italia” .
È una città doppia: la fortezza ed il borgo, di eguali dimensioni, uno l’ombra dell’altro e sorgono su una roccia che dominano la vallata.
Di origini incerte, probabilmente già abitata nel periodo Neolitico e Paleolitico. Furono gli Svevi a
cominciare dal XIII secolo e gli Aragonesi successivamente, a presediare il colle della cittadina con una imponente roccaforte, una delle più vaste mai costruite nella penisola. D’ altra parte il confine adriatico e settentrionale del Regno di Napoli con lo Stato Pontificio. Nel 1557 le si accanisce contro il Duca di Guisa con le truppe francesi e del papato, ma invano; nel 1798 e nel 1805 cede per ben due volte contro i francesi.
Saranno le truppe piemontesi nel 1861 ad assediarle durante la guerra per l’Unità, cannoneggiandola ed
abbatterla per poi ricostruirla in un monumento storico.
La fortezza, raro esempio di architettura militare tardo rinascimentale della regione, occupa tutta la spianata del colle. Il borgo di appoggia in parallelo alla fortezza. Originata a partire dall’Anno Mille, la primitiva Civitella era anche essa dotata di mura, smantellate nel 1485 durante la rivolta contro gli Aragonesi. Furono gli stessi Aragonesi, ripreso il controllo del territorio, a erigere la fortezza tra il 1564 e il 1576, sulle basi delle fortificazioni più antiche.
Il borgo ha un importante impronta architettonica, valorizzata da palazzi tardo rinascimentali. Passata Porta
Napoli ( cono stemma delle cinque torri) , si arriva alla Chiesa parrocchiale di San Lorenzo, edificio rinascimentale che al suo interno ha splendidi decori barocchi. Nel borgo tra antiche case costruite in traversino ,pietra locale. È da visitare la Chiesa di San Francesco, dalla facciata decorata da un rosone, ha una sola navata con un importante coro del XV secolo. Salendo alla fortezza fra due schiere alle vecchie case, troviamo la parte orientale che era la più importante per la difesa con doppie mura, il bastione di San Pietro e due piattaforme di diverse altezze dove si possono vedere i resti del Palazzo del Governatore (
seconda metà del XIII secolo) e la Chiesa di San Giacomo del 1604. Particolare la Chiesa di San Maria degli Angeli, eretta tra il XV e il XVI secolo; il Museo storico della Fortezza espone cimeli, armi bianche e da fuoco, vessilli, divise e mappe antiche. Gli spalti attorno alle tre Piazze d’ Armi regalano del meravigliose
vedute panoramiche. Dalla Fortezza della cittadina si possono vedere Montesanto, un’ abazia benedettina
del 1064 fondata su un preesistente tempio romano.

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: