#costume&società. Abbracciamoci forte e vogliamoci tanto bene

Era il mondiale 2006 e la nazionale di calcio italiana si laureava campione del Mondo, battendo ai calci di rigore la Francia grazie al goal decisivo di Fabio Grosso. Fabio Caressa commentatore di SKY, mentre i giocatori e tutti gli italiani urlavano di gioia, disse la frase che ho scelto come titolo per questo breve
articolo. Sono passati 16 anni da quel fantastico mondiale e il senso di quella frase assume nuovo significato soprattutto a seguito della crisi pandemica che abbiamo affrontato e forse non ancora superato. Dal febbraio- inizi di marzo del 2020 il virus ha cambiato la nostra vita, costringendoci a fare amicizia con la mascherina e a distanziarci gli uni con gli altri. Il Covid, è ormai ampiamente risaputo,colpisce tutti indistintamente ma ovviamente le persone più in pericolo non possono che essere i soggetti c.d. deboli quali persone malate o anziane. Questo maledetto virus in molti casi si è portato vie le persone più fragili. L’Italia è un Paese molto anziano e inoltre gli italiani tendono a vivere nelle vicinanze, se non
addirittura sotto lo stesso edificio, dei loro genitori e o nonni.

La paura di mettere in pericolo le persone più fragili e anziane ci ha portato ad allontanarci, fisicamente,
da loro. Niente più abbracci, niente più baci sulle guance per timore di contagiare. Questa situazione con
il passare del tempo è diventata sempre più pesante e vedere un proprio caro non potendosi avvicinare per manifestare allo stesso affetto o per chiedere un conforto è stata una vera e propria tortura. Il Covid ci ha tolto anche i rapporti umani e troppe persone, a causa di questo virus infame, sono morte sole con i loro parenti che non potevano fare altro che piangere a distanza senza neanche potere stare vicino al loro proprio caro nella fase ultima e delicatissima della sua vita. Questa situazione ci ha fatto capire quanto
siano importanti le cose che troppo spesso diamo per scontate. Sinceramente non so se questo virus sia stato definitivamente sconfitto o meno ma sicuramente stare vicino alle persone che si amano, mostrare loro affetto anche con le dovute precauzioni ci farà stare tutti meglio. Abbracciamoci forte e vogliamoci tanto bene.

Marco Lamantia-Redazione

Pubblicato da Emanuele Dondolin

Direttore Responsabile ed Editoriale di Contg.News Iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: